IL PLEBISCITO DIGITALE SI TERRÀ IL 16 FEBBRAIO IN TUTTO IL VENETO

Print Friendly

Gianluca Busato: “Avviate le procedure per garantire il monitoraggio internazionale. Nella stessa occasione, sarà eletta anche una delegazione che ne curi l’esecuzione”.

giane-11[Treviso, 7 novembre 2013] – Il comitato referendario Plebiscito2013 dà il via al piano operativo per l’indizione del Plebiscito Digitale. Il dispositivo, corredato da relazione ed allegati, sarà consegnato questa sera ai coordinatori di Plebiscito2013 che inizieranno la diffusione del provvedimento presso tutti i Comuni e le Province del Veneto per la sua approvazione.

È stata fissata la data in cui si terrà la consultazione: domenica 16 febbraio 2014 (16 febbraio 2013 more Veneto).

Il Plebiscito Digitale si svolgerà in tutti i Comuni del Veneto, indipendentemente dall’approvazione degli Enti Locali, grazie alla predisposizione e inizializzazione della piattaforma internet preposta.

Gianluca Busato, portavoce di Plebiscito2013 ha commentato: “il Plebiscito Digitale ha caratteristiche che lo rendono in questo momento l’unica soluzione percorribile, senza timore di alcun freno da parte della partitocrazia italiana. Esso si basa infatti sui seguenti punti cardine:

  • è nel solco della piena legittimità internazionale,
  • rispetta il diritto interno dello stato italiano,
  • è a costo zero per la pubblica amministrazione,
  • la sua economicità libera risorse da destinare alla comunicazione verso i cittadini,
  • ha un piano operativo ben definito e già avviato,
  • è una soluzione innovativa e segue il metodo Bertolissi”.

Tali caratteristiche erano state anticipate la settimana scorsa attraverso un comunicato che ne illustrava le relative argomentazioni.

Ha quindi dichiarato Gianluca Busato: “il Plebiscito Digitale sarà monitorato a livello internazionale da organismi preposti a tale compito. Plebiscito2013 ha già dato il via ai primi passi procedurali in tal senso, per poter garantire alla consultazione popolare la necessaria certificazione di qualità e di rispetto degli standard di democrazia, accessibilità e di trasparenza necessari per renderlo quindi fattivo, secondo quanto previsto dal diritto internazionale.”

“A tale scopo, l’iniziativa Plebiscito Digitale, oltre a permettere la risposta al quesito “Vuoi che il Veneto diventi una Repubblica Federale Indipendente e sovrana? Si – No” introduce un nuovo meccanismo che ne permetta la sua esecuzione in caso di vittoria dei sì.

Il meccanismo prevede infatti la votazione sempre direttamente da parte dei cittadini veneti di una delegazione di dieci cittadini veneti chiamati a rappresentare le istanze derivanti dall’eventuale prevalenza dei Sì nel Plebiscito Digitale.”

Ufficio stampa
Plebiscito2013